LA LILT DI CATANZARO FRA LE MIGLIORI IN ITALIA

Ebbene si, anche Catanzaro per la prevenzione oncologica, grazie alla LILT, ha qualcosa da raccontare.
In occasione della giornata nazionale della ricerca promossa dalla stessa sede centrale di Roma, oltre alla presentazione dei progetti selezionati nella scorsa edizione 2014, sono stati proclamati i vincitori del bando di ricerca 2015. Delle oltre cinquanta richieste di ammissione, tredici i progetti ritenuti meritevoli di finanziamento pubblico, fra i quali quello presentato dalla Sezione LILT di Catanzaro.
Il progetto, nato grazie all’ennesima intuizione del Presidente, avvocato Concetta Stanizzi, si pone come obiettivo la creazione di un “Osservatorio Oncologico Regionale” basato sulla ricerca e la sperimentazione di un modello unico di analisi e valutazione del rischio oncologico integrato con la gestione dell’attività ambulatoriale polispecialistica delle sezioni LILT.
L’idea ha come fondamento l’attività di diagnosi precoce che volontari e dipendenti svolgono quotidianamente con l’ausilio di un avanzato software, in uso da circa due anni presso la sezione di Catanzaro e quotidianamente sviluppato ed implementato insieme ad un qualificato team di esperti informatici. Ad oggi sono decine di migliaia i dati archiviati digitalmente e pronti per essere integrati in un ambiente virtuale in modo da poter consultare, analizzare, elaborare o sviluppare qualsiasi tipo di informazione o interrogativo ci si ponga in termini di rischio oncologico.
Il successo della nostra sezione non può che essere una diretta conseguenza della fiducia e del sostegno degli ormai 3400 soci (tesserati nel corso del 2015) e degli oltre 7000 utenti che hanno scelto la LILT di Catanzaro, rendendo possibile l’erogazione di circa 20.000 prestazioni di prevenzione oncologica in poco più di 18 mesi.
Quando le uniche direttive sono l’impegno, il rispetto e la dedizione per il prossimo, l’instancabile perseveranza nella trasparenza della gestione della “cosa pubblica”, la ricerca continua della qualità e l’incondizionata predisposizione per il volontariato, il risultato non può che essere questo.
Il Presidente, avvocato Concetta Stanizzi, dopo la formale comunicazione di vittoria del bando di ricerca dichiara con orgoglio: “non ci resta che continuare il cammino intrapreso, con la solita umiltà e determinazione, che da sempre contraddistingue la mia persona e l’associazione che rappresento”.

Altri articoli

Inserisci un commento

Puoi Collegarti e inserire un commento.