Chi siamo

La LILT è l’unico Ente Pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori, che dal 1922 opera, senza fini di lucro, su tutto il territorio nazionale. Collabora con lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri enti e organismi impegnati in campo oncologico. Membro dell’European Cancer Leagues (ECL) e dell’Unione Internazionale Contro il Cancro (UICC), svolge un ruolo istituzionale nell’ambito della programmazione oncologica europea e dell’interscambio di informazioni sul tumore degli Stati Membri.

 

Nel 2003 la LILT è stata insignita con la Medaglia d’oro al Merito della Salute Pubblica dal Presidente della Repubblica. Con le sue 103 Sezioni Provinciali, i 20 Comitati Regionali e le oltre 800 Delegazioni Comunali, la LILT si contraddistingue per un forte radicamento sul territorio e, grazie soprattutto ai suoi oltre 350 ambulatori, offre un servizio capillare e prezioso nella lotta contro il cancro.

 

Inoltre la LILT sostiene e promuove le iniziative per la riabilitazione del malato oncologico a livello fisico, psichico, occupazionale e sociale offrendo anche servizi di assistenza domiciliare agli ammalati.

 

La LILT opera senza fini di lucro; il suo compito istituzionale è la prevenzione oncologica, attuata sia attraverso adeguati programmi di informazione e sensibilizzazione, sia attraverso attività di diagnosi precoce.

 

L’impegno della LILT nella lotta contro i tumori si dispiega principalmente su tre fronti:

  •         la prevenzione, attuata sia con campagne di educazione alla salute, iniziative contro il fumo sia con i nostri           ambulatori organizzati per la diagnosi precoce.
  •         l’assistenza a domicilio per pazienti in fase avanzata di malattia, ospitalità per familiari e pazienti l’attenzione         verso il malato, la sua famiglia, la riabilitazione e il reinserimento sociale.
  •         la ricerca, con istituzione di borse di studio per giovani laureati.

 

La LILT, organizzata su base provinciale, opera su tutto il territorio nazionale, con i suoi 389 ambulatori e gli oltre 20.000 volontari.