You Tube? Io no! La festa della mamma con la Lilt

“You Tube? Io no!” – Tube o no, ciò che conta sei tu! Scegli la prevenzione!

Domenica 12 maggio 2013 in occasione della festa della mamma presso l’Ospedale Pugliese di Catanzaro, nei due reparti di ginecologia-ostetricia gli ambulatori rimarranno aperti dalle ore 10 alle ore 17 per visite e colposcopie gratuite.
L’iniziativa è stata organizzata dalla direzione generale dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio in partnership con la sezione provinciale Lilt di Catanzaro, e si configura come una giornata di screening nella prevenzione del carcinoma ovarico e nella tutela della salute riproduttiva.
“La prevenzione è la nostra mission e per questo siamo a supporto delle aziende sanitarie per la diffusione della profilassi” afferma molto soddisfatta l’avvocato Concetta Stanizzi, presidente della Lilt di Catanzaro. “Cerchiamo di lavorare autonomamente ma quando le strutture ci accompagnano mettendo a disposizione ambulatori e professionisti è tutto più facile. In questa occasione esprimo viva gratitudine ad Elga Rizzo per l’entusiasmo con cui ha condiviso l’iniziativa. La mamma è una figura centrale e fondamentale della società, per il suo ruolo riproduttivo, affettivo e formativo. Ma la mamma è anche donna e quindi persona da tutelare anche in quanto moglie e compagna e pertanto bisogna avere il più alto supporto a prevenzione di ogni malattia oncologica”.
La dottoressa Rizzo ci ha tenuto a sottolineare che “questa iniziativa è un forte messaggio di solidarietà ma soprattutto di incoraggiamento salutistico alle donne catanzaresi affinchè investano sulla prevenzione per un proprio futuro più sereno. Tengo infine a rimarcare un aspetto non meno rilevante: questo screening rappresenta e conferma in modo esemplare quello che da tempo sosteniamo, e cioè che la convivenza tra strutture ospedaliere e universitarie non solo è possibile ma da noi è già reale.”
A garantire la riuscita dell’iniziativa le equipes di entrambi i reparti di ginecologia e ostetricia, quello a direzione ospedaliera e quello a direzione universitaria, lavoreranno insieme mettendo a frutto professionalità che da anni hanno imparato a convivere e supportarsi, importante esempio di collaborazione e integrazione.

Altri articoli

Inserisci un commento

Puoi Collegarti e inserire un commento.